Cos’è PANTONE?

Rosso.

Quante volte capita che un tipografo debba effettuare prove di stampa affinchè il rosso prodotto dalla stampante non sia esattamente il rosso pensato dal designer. Il nostro occhio è in grado di percepire una quantità apparentemente infinita di sfumatore di colori. Purtroppo a questa varietà corrisponde un vocabolario limitato per descriverli.

Descrivere un colore è difficile per tutti, soprattutto per i grafici perchè è difficile percepire un colore colore allo stesso modo. È come dire che qualcosa è pesante; ma pesante quanto? Per questo motivo esistono le unità di misura e i colori non fanno eccezione.

Cos’è Pantone?

Prima di Pantone, ogni azienda di stampa aveva la propria guida ai colori; “Rosso” era stampato in modo diverso a seconda di come il produttore di inchiostri interpretava quel colore. Alcuni rossi erano più scuri di altri; alcuni erano più accesi, altri più spenti. E, nella quasi totalità dei casi, il colore non era mai esattamente quello che aveva in testa il designer.

Nel 1963, Pantone (che significa “tutti i colori”, che combina pan e tone) ha sviluppato il primo sistema di corrispondenza dei colori. Grazie a questo sistema, i grafici possono vedere esattamente che aspetto avrebbe il “rosso” sulla carta e fornire alla stampante il numero Pantone per assicurarsi di ottenere ciò che desiderano. Il colore diventò “coerente” per designer, tipografi, produttori di inchiostri e clienti finali. Se un cliente sceglie il rosso, il tipografo è in grado di comunicare alla stampante esattamente il colore scelto in modo che il prodotto finito corrisponda esattamente alle esigenze del cliente.

I marchi e i loghi possono finalmente avere la coerenza del colore in tutti i loro materiali di marketing, dai vari gadget ai cartelloni pubblicitari, indipendentemente dall’agenzia, dal designer o dal tipografo, indipendentemente da dove si trovano nel mondo. Pantone è ad oggi universalmente riconosciuto come l’autorità mondiale sul colore.

Il Pantone Matching System (PMS)

Il Pantone Matching System (PMS) è il sistema di standardizzazione del colore che aiuta nella corrispondenza e identificazione del colore. Ogni colore nel Pantone Matching System ha il proprio numero univoco (numero PMS) e questo consente una corrispondenza esatta per ogni colore. Il numero di identificazione è composto da tre o quattro cifre seguito dalle lettere U, C o M. Queste lettere rappresentano rispettivamente i tipi di carta “non patinata”, “patinata” o “opaca”. Nel sistema Pantone, un importante aspetto da considerare è il supporto su cui si stampa. Se si stampa lo stesso colore su due diversi stock di carta, il colore apparirà diverso su ogni stock.

La regola vale anche per formati più disparati. Se con lo stesso colore, coloriamo un muro e poi sul vetro, il colore in ogni superficie avrà una tonalità leggermente diversa. Per questo motivo, Pantone ha due serie di colori per il mondo della stampa: patinata e non patinata. Questi due set di colori PMS hanno lo stesso inchiostro ma mostrano la differenza quando vengono stampati su un supporto patinato o su uno opaco. Alcuni colori non sembrano così diversi, mentre altri cambiano in modo significativo. Con queste variazioni, designer e utenti possono vedere come apparirà il colore scelto su ciascuno di questi diversi tipi di carta.

Il Pantone Matching System è composto da 1.867 colori creati combinando 13 pigmenti di base.

Tutti questi colori possono essere trovati sul sito Web ufficiale di Pantone e nei cataloghi Pantone stampati, che è sicuramente una risorsa visiva più affidabile (ma più costosa).

Utilizzando il sistema di colorazione Pantone, un designer è in gradi di inviare il logo ad una tipografia assieme ai numeri Pantone utilizzati per garantire che i prodotti finali siano esattamente stampati nel colore esatto desiderato. La stampa con Pantone può diventare costosa, ma spesso ne vale la pena, soprattutto per i grandi marchi che non possono permettersi incoerenze di colori.

Pantone vs CMYK

Le nostre stampanti utilizzano il sistema CMYK. Perché abbiamo bisogno di un altro sistema? CMYK utilizza quattro livelli (ciano, magenta, giallo e nero) per stampare il colore desiderato. Tuttavia, tale colore ha la possibilità di risultare leggermente diverso ogni volta che viene stampato, a seconda della calibrazione della stampante. Ad esempio, il verde pensato nella testa del designer potrebbe risultare un po’ più chiaro del previsto in alcune occasioni e cosi via.

Nella stampa CMYK, la calibrazione si riferisce all’allineamento delle cartucce a getto d’inchiostro alla carta su cui si sta stampando, nonché all’allineamento delle cartucce tra loro. Senza un corretto allineamento, la qualità di stampa diminuisce.

Pantone invece fornisce sicurezza ai progettisti. Se viene stampata una copia di un documento, questa incoerenza non fa molta differenza. Ma per una stampa di 10.000 biglietti da visita per i propri dipendenti, “quasi vicino” non è concepibile. Pantone non combina i colori durante il processo di stampa come accade per il CMYK; utilizza invece i colori premiscelati nel processo di stampa. È molto più puro del CMYK e la differenza è evidente.

Gli inchiostri di base Pantone vengono prima miscelati con cura per creare il colore desiderato, quindi messi su un unico livello per essere stampati da una macchina speciale che deve essere preparata per ogni lavoro. La calibrazione non diventa più un problema perché non ci sono altri livelli da calibrare. La stampa Pantone è la migliore per progetti di grandi dimensioni con colori uniformi e puri, mentre la stampa CMYK è migliore per una combinazione di diversi lavori di stampa.

Un esempio molto simile si percepisce entrando in un negozio di elettrodomestici al reparto televisori. Lo scaffale mostra 40 televisori in vendita, tutti allineati, accesi e che mostrano tutti lo stesso programma televisivo. Noteremo subito che ogni televisore mostrerà un’immagine più o meno brillante o più o meno satura, quindi colori diversi, nonostante il segnale TV sia uguale per tutti i televisori.

Pantone famosi

Alcuni marchi famosi hanno assunto Pantone per creare il proprio colore personalizzato. Il prezzo varia a seconda della richiesta, ma ciò non significa che le aziende non incassino per far risaltare i loro marchi. Non tutti i marchi mantengono i propri Pantones classificati.

Moda e colori Pantone dell’anno

Il significato di Pantone non è solo legato ai colori: questa azienda ha un impatto fortissimo sul mondo del design e della moda. Oltre a catalogare colori, questa azienda li studia. Per dirne una, ogni anno sceglie un colore (in base a studi e calcoli sulle tendenze in voga) e lo elegge “colore Pantone dell’anno”. Ad esempio per il 2021 il colore è questo. Vista la popolarità e l’autorità di cui gode l’Istituto, il colore dell’anno diventa esso stesso di moda e origina infiniti oggetti di design, sperimentazioni grafiche e pubblicazioni dedicate.

Quindi non stupitevi se, all’annuncio del nuovo colore Pantone dell’anno, vedrete negozi e siti web tempestati di quella tonalità. Si tratta di un’azienda che studia la tendenza e fa a sua volta tendenza.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi